Translator

mercoledì 11 settembre 2013

Il sogno dell'incubo . Par. 8 .

Eih latitante sei vivo? Ma che fine hai fatto? E' più di una settimana che manchi? Sapessi come sono stato male? Male? Ma male cosa? Io qui ero in pensiero, ma no per te, ma per il racconto, non dirmi che l'hai dimenticato? Bello amico che sei, come io stavo ammalato a casa e tu eri preoccupata solo per il racconto? Non ti sei neanche azzardato di fare una chiamata vero? Si dai è vero, ma sai quando ci sono le donne in mezzo si riesce a dimenticare tutto, anche gli amici. Ma lo credo, infatti ti sei dimenticato del tuo migliore amico. Scusa eh, ma che pensi che non ti pensavo? Certo che no, come hai dimostrato certo che non lo è. Ma dai cosa vuoi che sia una telefonata, tanto c'era tua mamma e anche la tua squinzia no? Comunque sappi che non è una squinzia? No? Certo che no? Come fai ad essere così sicuro di quello che dici? Perché per capire una squinzia ci vuole qualcosa per riconoscerla? Ok basta mi stai facendo arrabbiare con queste sciocchezze? Oh oh oh il ragazzo è in preda a una tempesta, mare  mosso o mare calmo? Giuro oggi non ti reggo, dopo la malattia questa è la tua accoglienza? Ma si dai ancore sei giovane qualche battito più veloce non ti fa male eh? Adesso cosa ti sei inventato? Ma dai non fare lo sciocco dai, tu e la squinzia, dicevo il cuore, una persone quando si innervosisce il battito accelera. Ah vedo che sei informato eh. Ma certo mica a scuola vado a giocare? Se potessi mi metterei dei tappi per non sentire alla prof. Ma stai dicendo che eri costretto? Certo che si, tu che pensi che ho voglia di studiare? Immaginavo che andavi a finire lì. Ok basta il sogno per favore? Ok allora il comandante: dai che ci siamo quasi. Jason: ti credo dopo tutto questo tempo ti vuoi aspettare un giro in giostra? Ragazzo: hahaha come no io sono il primo. Comandante: vedo che non avete perso il senso dell'umorismo? Jason: vuoi che mi metta a piagnucolare? Ragazzo: no, già ci stanno due presone che lo fanno. Prete: Francesco non fare caso di quel che dicono. Francesco: si padre continuo a pregare. Ragazzo: certo tanto non sai fare altro. Comandante: ho capito è il passatempo per fare svanire la paura. Jason chi io paura? Ragazzo: ma certo, io almeno sono ancora ragazzo, ma tu? Jason: io cosa? Prigioniero: beh di fegato di quel poco che è rimasto lo perdi in questo pianeta vero Jason? Jason: adesso anche tu con questa battuta. Prigioniero: dai risparmialo quel poco che è rimasto, che fra un po è buio. Comandante: dai dopo ti vengo a rimboccare le coperte. Ragazzo: non ti dimenticare di me? comandante: si anche a te. prigioniero: da me rimani? Comandante: certo conte  perdo più tempo, anche perché mi devo inventare una ninna nanna. Prigioniero: se vuoi puoi fare senza ? Comandante: allora non vengo visto che non serve. Comandate: dai se rimante tempo ti vengo a raccontare una favole mio piccolo. Prigioniero: ah andiamo bene qui. Jason: finalmente siamo arrivati. Ragazzo: padre adesso mi raccomando basta con queste preghiere, tanto il tuo dio, ha fatto il miracolo. Prigioniero: forza mettiamo in sicurezza questo posto, e cerchiamo armi e munizioni. Comandante: padre tu e il tuo ragazzo cercate dell'acqua?  Tu Marco cerca attrezzi da lavoro? Ragazzo: quali? Comandante: martello e chiodi? Ragazzo: ok faccio del mio meglio. Prigioniero: comandante io controllo la zona con Jason, così cerco capire quale essere ci minaccia.  Jason: si ma, con queste armi che abbiamo non riusciamo ad uccidere un branco di cani. Prigioniero: hai dimenticato la tua discendenza? Jason: la mia discendenza? Ma cosa ti frulla in testa? Prigioniero: usi la mani, o il calcio del fucile, tieni questo stava nella nave. Jason: brutto mascalzone il tuo spirito da delinquente non lo perdi eh? Prigioniero: io non ho perso neanche il mio essere selvaggio quando si tratta di salvare la pelle, tu cerca di ricordarlo come erano i tuoi antenati. Oh capperi devo ricordarlo che'io, così mi difendo dalla tua squinzia. No di nuovo, ma allora sei veramente pesante oggi. Si si, oggi credo proprio di si. Senti ti prego, basta con queste sciocchezze, ma piuttosto racconta questa settimana senza di me. Non ho fatto niente di che. Ma non avevi detto che stavi con una ragazza? Beh odio. Ma allora stavi con un maschio? Eh mattacchione ti piacciono gli uccelli eh? Ok entriamo è tardi. Vieni, dove vai. E' tardi entriamo. Dai racconta com'era questo uccello. Sembra che sei tu il curioso per questo uccello. Si vuoi girare la frittata. Dai te lo dico domani con chi ero, adesso entriamo è veramente tardi. Va bene mia cara ahahha...

Nessun commento: